Castra il cane e non paghi la sovrattassa sugli “zebedei” (suoi!)

Castra il cane e non paghi la sovrattassa sugli “zebedei” (suoi!)

Castra il cane e non paghi la sovrattassa sugli “zebedei” (suoi!)

Il parlamentare PD Michele Ansaldi ha fatto i conti e dice che, se sterilizzi il tuo cane, le casse pubbliche risparmiano 5,25 mld di euro all’anno.

Meno male che Silvio c’è. Questo, che non è una bufala, è un cinico emendamento alla Legge di Bilancio che ha superato pochi giorni fa l’esame di ammissibilità e che, per fortuna, viene osteggiato – principalmente – da Forza Italia.

Cosa prevede?

pug-801826_640Siccome il randagismo è una piaga della nostra società non meno della mala amministrazione della “cosa pubblica”, il parlamentare ha presentato una proposta di modifica (alla succitata legge) che prevede una nuova imposta a chi non sterilizza il proprio animale domestico e, a vario titolo, riduzioni, esenzioni, detrazioni eccetera, a chi invece da un taglietto e via.

Ovviamente dal novero vengono esclusi i cani “professionisti”: poliziotti; guida per non vedenti; adibiti alla custodia di gregge e così via… insomma, se non hanno un lavoro e non rientrano nella catena di produzione fordista dettata dall’uomo, né devono figliare né devono essere considerati per la loro natura.

Ben presto la proposta verrà allargata ai pensionati con reddito minimo, ai disoccupati, ai clochard no perché non sono già ora considerati al pari degli “uomini” ma, tant’è che al fin non sarà difficile prevedere sciagure di pari livello.

A sostegno del “taglio”, il deputato ha portato sul tavolo ricerche e statistiche, numeri e ragioni che perorano la “giusta” causa; ha parlato delle tante «prigioni per cani» sparse per la Penisola che si spacciano per canili pubblici, e tutta un’altra serie di ciniche nefandezze volte a ignorare i parametri minimi di dignità della bestia cane e, non di meno della bestia uomo, in nome ora e sempre dell’economia che è l’unico valore da conservare e idolatrare. Ma non a parer mio e di tanti altri (se posso permettermi!).

Per concludere.

pug-965766_640Cara mogliettina, ti consiglio di stare molto attenta a dove metti l’amato Fido e di non darlo a tuo marito per il “giretto dei bisognini”… c’è rischio che, per risparmiare sulle bollette di luce e gas, te lo porti dal veterinario e “zac”.

Caro maritino, sappi che se questo è il trend e, davvero, gli unici valori che avranno un senso nel prossimo futuro saranno quelli economici, tu dovrai stare molto più attento di Fido perché sei a doppio rischio:

rischio A, dovrai far figli a più non posso per soddisfare i bisogni delle multinazionali del latte da biberon;

rischio B, se anche tu sei stato schiacciato dalla crisi economica e non riesci più a trovar lavoro, non avrai diritto di far prole che non potrai portare nei megastore di lusso (e quindi “zac” anche ai tuoi attributi).

Simone Caminada

Fondatore del blog NonQuotidiano. Maestro d'arte e studioso di filosofia, di arte e di storia contemporanea.

leave a comment

Create Account



Log In Your Account